Shark squalo mediterraneo

Lo squalo bianco ha sempre colpito per la sua perfezione : rappresenta l’apice evolutivo del mondo marino . Un’autentica meraviglia della natura molto sofisticata e perfetta per la sopravvivenza.

Più i ricercatori lo studiano e più scoprono particolari incredibili sul suo comportamento, sul suo dna sulla sua evoluzione.

[adinserter name=”Block 12″]
Ad esempio la sua forma aerodinamica gli permette una perfezione assoluta nei movimenti che nessun altro essere marino ha mai raggiunto .
E’ curioso notare il paradosso che nonostante sia molto veloce , caccia lentamente intorno alle prede , forse per ottimizzare sforzo e risultato senza quasi mai sfruttare la sua incredibile velocità.

Per approfondire “la velocità ”  leggi articolo su Repubblica Ambiente
Sono animali che raggiungono notevoli dimensioni (lunghi fino a 6 metri e dal peso di oltre 3 tonnellate, fanno immersioni, fino a 1000 metri , riescono a vivere fino a 70 anni e possiedono incredibili capacità olfattive ( sentono le molecole del sangue a distanze notevoli)
Il suo sangue è endotermico cioè in grado di mantenere la temperatura corporea più calda rispetto all’acqua circostante e questo gli permette di poter popolare quasi tutti i mari del mondo anche se predilige le zone caldo temperate.

[adinserter name=”Block 9″]
Sono molte le stranezze di questo stupendo predatore : infatti studiando il suo DNA evolutosi per quasi 4 milioni di anni , alcuni ricercatori hanno scoperto che questi giganti dei mari riescono a proteggersi dal cancro e guarire in un lampo dalle ferite.
Infatti l’enorme genoma dello squalo bianco , con le sue 4,6 miliardi di paia di basi è circa una volta e mezzo quello umano , ricco di adattamenti che hanno favorito nel complesso la stabilità genetica. Fattori, endogeni ed esterni, possono modificare la sequenza del Dna introducendo mutazioni. L’accumulo di mutazioni noto come instabilità genetica, è una caratteristica dei tumori e un fattore allo sviluppo di patologie neurologiche e correlate all’età.

Le cellule cercano di contrastare questa instabilità sfoderando armi mirate a mantenere l’integrità del Dna, ed è per questo motivo che il DNA della squalo bianco è il più stabile e quindi era logico vedere molti ricercatori interessarsi al suo genoma per la lotta contro i tumori , sperando che l’uomo non sia così pazzo da estinguerli prima .

Per approfondimenti  leggi  articolo     “Repubblica ambiente”
Ultime ricerche portano a confermare che lo squalo bianco quando apparve negli oceani portò alla scomparsa del famoso Megalodonte , uno squalo lungo bel 18 metri che fu come il T-Rex in terra terrificante per tutte le creature marine dell’epoca.
Probabilmente la grandezza lo portò ad avere forti handicap di competizione con i vari squali che pian piano comparivano evolvendosi e lo squalo bianco con ogni probabilità contribuì alla sua comparsa.

Per maggiori informazioni National Geographic  : Megalodonte contro Squalo Bianco 

Ci sono squali nel Mar Ligure ? Leggi l’articolo 

[adinserter name=”Block 8″]


Libri consigliati per ragazzi / letture di approfondimento :


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *