squalo bianco , sharkGli squali ci sono veramente nel Mar Ligure  ?

Questa è una delle più frequenti domande che specialmente i bambini fanno durante le escursioni di Whalewatching e quindi cerchiamo di fare chiarezza e capire se veramente nel Mar Ligure è possibile incontrare squali , addirittura pericolosi .

Durante gli avvistamenti è stato possibile incontrarne alcuni , in maggioranza verdesche ma anche squalo elefante e altri che per la loro velocità e apparizioni sfuocate è stato difficile determinarne la specie,   ma, però………. qualche indizio.
Ultimamente si racconta presenza di un enorme squalo che recentemente sulle coste liguri avrebbe lasciato un segno inequivocabile della sua presenza agitando i sonni di sub,  bagnanti e scrittori di racconti fantastici : insomma ci sono prove della presenza dello squalo volpe e sopratutto dello squalo  bianco.

Negli ultimi 100 anni sono parecchie le storie di incontri ravvicinati con questo terribile predatore nelle acque del Mar Ligure.

Per saperne di più leggi questo articolo : clicca qui

Leggi Squalo volpe pescato a Camogli: clicca qui 

Leggi squalo volpe pescato a Varazze 2016

Leggi squalo  pescato a Camogli 2017: clicca qui

Squalo a Santa Margherita : clicca qui

Leggi Verdesca alle 5 Terre: clicca qui

Quindi si è vero vari tipi di squali,  come la Verdesca , il Mako, lo squalo volpe, lo spinarolo, palombi, squalo elefante e infine squalo  bianco compreso, sono presenti da sempre nei nostri mari.

Ma per rasserenare un poco gli animi si può tranquillamente dire che gli attacchi sull’uomo sono stati rarissimi e che è piu tragico per l’uomo  l’incontro con altre specie come insetti  ( calabroni e vespe ) che uccidono molto di più.

Anzi sono sempre stati gli squali a dover temere l’uomo  . Già, perché molti degli squali citati, palombo, verdesca e Mako in primis, spesso e volentieri finiscono nelle zuppe di pesce e nei brodetti o, in trance, alla brace e in padella.

Lo sanno in pochi ma l’Italia è tra i più grandi consumatori di carne di squalo d’Europa.

Infine bisogna dire con forza che queste specie di predatori  marini sono fondamentali per mantenere  l’ecosistema  in equilibrio  e che la loro presenza è indice di situazione ambientale nei limiti se non buona.

Quindi avvistarli  ( a debita distanza ….) vuol dire semplicemente rimanere affascinati dalla loro perfezione  e dal loro istinto primordiale.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *