ecosistema Genova LiguriaReport WWF 2018  : Il Mediterraneo in pericolo 

Il WWF ha rilasciato il nuovo Report 2018 sullo stato di salute del nostro pianeta ed è subito allarme per il futuro di alcune aree importanti  del mondo a causa del riscaldamento globale incluso il Mediterraneo.
Dice il WWF :  “Il nuovo studio pubblicato sulla rivista Climatic Change realizzato da noi e dagli esperti dell’Università dell’East Anglia e della James Cook University evidenzia una situazione climatica allarmante.
Se non riusciremo a tenere sotto controllo le emissioni di CO2, saremo condannati a perdere almeno la metà delle specie animali e vegetali che oggi popolano paradisi terresti come l’Amazzonia, le isole Galapagos e il Mediterraneo.”

La temperatura  è destinata a salire di almeno due gradi in questo secolo e di conseguenza le acque del Mediterraneo potrebbero perdere addirittura il 50% delle specie e in grave pericolo sono proprio i cetacei e le tartarughe .

L’emissione di idrocarburi  nell’atmosfera non è più sostenibile a questi ritmi e il WWF chiama tutti a senso di responsabilità per prevenire una futura catastrofe in numerosi ecosistemi mondiali .

In primo piano ci sono  responsabilità politiche , di chi deve prendere decisioni per abbattere notevolmente l’uso di energie fossili e inoltre il WWF chiede di prendere tutti coscienza che individualmente anche comportamenti quotidiani possono , contribuire , nel piccolo a limitare i danni all’ambiente e sopratutto possiamo fare tutti noi scelte mirate ad esempio negli acquisti  per  costringe industrie e multinazionali  a cambiare  tipo di produzione o produrre merci compatibili con stili di vita più rispettosi dell’ecosistema  e quindi premiare  le industri più attente a queste problematiche .

La strada è obbligata : tagliare al più presto  le emissioni di gas serra  .

Ecco a Voi il nuovo Report WWF 2018 , avete la possibilità di scaricarlo in PDF   http://www.wwf.it/futuro_specie_mondo_piu_caldo.cfm



0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *